Comunicati

Salvano la vita ad un 49enne infartuato: intervento delle equipe sanitarie dell 118 di Andria

Salvano la vita ad un 49enne infartuato: intervento delle equipe sanitarie dell 118 di Andria

E’ accaduto nel pomeriggio di ieri: l’uomo è stato stabilizzato e poi operato d’urgenza

La corsa contro il tempo di una equipe sanitaria del 118 con soccorritori ed infermiere a bordo, l’arrivo presso l’abitazione di un uomo con malore. L’elettrocardiogramma che telematicamente trasmette i dati alla centrale operativa del 118. Il responso è quello di infarto in corso. L’arrivo in pochissimo tempo dell’automedica con a bordo un’altra equipe sanitaria questa volta con medico e la necessità delle prime cure e delle operazioni salvavita sino al trasporto in pronto soccorso. Qui l’uomo è stato prontamente trattato e trasferito nel reparto di emodinamica. Tutto in pochissimi minuti dopo la prima chiamata alla centrale operativa del 118 arrivata attorno alle 15,30.

E’ una storia di buona sanità, potremmo dire di ordinaria buona sanità, accaduta ieri pomeriggio ad Andria dove la perfetta sinergia tra le equipe sanitarie del 118 cittadine ed il Pronto Soccorso del “Bonomo” ha permesso un intervento rapidissimo salvavita per un 49enne colto da infarto presso la propria abitazione. L’uomo, dopo esser stato stabilizzato ha subito il trasferimento nel reparto di “Emodinamica” dove è stato operato. Le sue condizioni restano stabili.

Una storia che abbiamo voluto raccontare per ribadire con forza il prezioso lavoro di tutti gli operatori sanitari dell’emergenza urgenza, autisti, soccorritori, infermieri e medici, che dopo il momento di grande emergenza da Covid-19, continuano a lavorare con grande professionalità. Il 118 di Puglia è tra i migliori di tutta Italia come ribadito dall’Istat solo pochi mesi fa dopo una ricerca sui sistemi di emergenza urgenza in tutta la nazione ed i tempi di risposta e di efficacia degli interventi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *